Nuove norme UE 2021 sull'IVA per le vendita online.

Dal primo luglio 2021 sono entrate in vigore le nuove norme Europee sull’IVA, il nuovo regolamento si pone come obiettivo la semplificazione delle vendite online transfrontaliere.


Verranno coinvolte tutte le aziende dell'UE che effettueranno vendite B2C nei paesi membri, superiori a 10.000,00 euro.



Cosa prevede il nuovo regolamento?


A partire dal primo luglio 2021, le norme IVA sulle attività di e-commerce transfrontaliere tra azienda e clienti (B2C - business-to-consumer) sono destinate a cambiare.


Le regole verranno applicate se vendi ai consumatori nell'UE, anche se la tua attività ha sede al di fuori dell'UE.


Panoramica delle principali modifiche


Dal primo luglio 2021, la soglia massima per le vendite a distanza di beni diventa di 10.000,00 euro all'anno e copre tutte le vendite a distanza di beni ai clienti in tutti gli Stati membri dell'UE, effettuate da fornitori stabiliti nell'UE.


Ciò significa che i venditori transfrontalieri che vendono beni con un valore annuale superiore a 10.000,00 euro saranno tenuti ad addebitare l'aliquota IVA del paese di residenza dell'acquirente.


La precedente soglia annuale di 35.000,00 euro per le vendite a distanza per ciascuno Stato membro (o di 100.000,00 euro per un numero limitato di Stati membri) non è più valida.


Vediamo come funziona!


Supponiamo che tu sia un commerciante con sede in Italia con acquirenti in Italia e in Francia e che abbia vendite nell'UE pari o superiori a 10.000,00 euro.


In questo caso sei soggetto all'IVA in ogni paese in cui si trovano i tuoi acquirenti, in altre parole, sei soggetto all'IVA sia in Italia sia in Francia.


Tuttavia, se lo stesso commerciante italiano, che vende in Italia e in Francia, ha vendite inferiori a 10.000,00 euro, può continuare ad applicare le regole nazionali italiane per l'IVA.


Le imprese dell'UE potranno ora registrarsi in un solo stato dell'UE, questa registrazione sarà valida per la dichiarazione e il pagamento dell'IVA su tutte le vendite di beni e le forniture transfrontaliere di servizi ai clienti all'interno dell'UE.


Le aziende possono gestire la registrazione tramite il portale One Stop Shop (OSS), ciò significa che le aziende dell'UE possono presentare un'unica dichiarazione IVA per gli addebiti IVA a livello dell'UE, invece di presentare una dichiarazione in ciascun paese dell'UE in cui hanno addebitato l'IVA.


L'esenzione IVA per l'importazione di piccole spedizioni di valore fino a 22,00 euro sarà rimossa. Tutte le merci importate nell'UE saranno ora soggette a IVA.


È stato creato un nuovo portale elettronico per la dichiarazione e il pagamento dell'IVA per le vendite a distanza di beni importati da paesi extra UE, il sistema si chiama Import One Stop Shop (IOSS). L'utilizzo del portale IOSS è volontario.


A partire dal primo luglio, i venditori che utilizzano il portale IOSS possono riscuotere l'IVA direttamente dal cliente nel negozio online e quindi dichiarare e pagare questa IVA tramite il portale IOSS.

L'importazione di beni di basso valore nell'UE al di fuori del sistema IOSS è in genere soggetta al pagamento dell'IVA quando le merci vengono importate nell'UE.


Cosa dovrai fare nel tuo negozio online?


Tutti i prodotti esposti nell’e-commerce dovranno esibire un prezzo di vendita IVA compresa, valutando l’aliquota maggiore da applicare, in funzione ai diversi paesi e volumi di vendita.

Post correlati

Mostra tutti